Martedì 27 Gennaio 2015
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Felix Baumgartner, paracadutismo spaziale: abbattuto il muro del suono

Fantastico, spettacolare, il lancio di ieri sera di Felix Baumgartner che, da 39.000 metri di quota ha rotto la barriera del suono raggiungendo Mach 1.24 (1.342 km/s), segnando un nuovo record per il paracadutismo.

Il primato da oltre 50 anni era nelle mani dello statunitense Joe Kittinger, capitano della U.S. Air Force, con un salto da 31.333 metri di altezza.

 Source: Red Bull Stratos

Fantastico, spettacolare, il lancio di ieri sera di Felix Baumgartner che, da 39.000 metri di quota ha rotto la barriera del suono raggiungendo Mach 1.24 (1.342 km/s), segnando un nuovo record per il paracadutismo.

Il primato da oltre 50 anni era nelle mani dello statunitense Joe Kittinger, capitano della U.S. Air Force, con un salto da 31.333 metri di altezza.

Star Trek - Il Futuro ha inizio (J. J. Abrams - 2009)

Per coloro i quali come me sono fan di Star Trek, assistere all’evento, è stato vedere un po’ di fantascienza diventare realtà, come a volte accade.
Nell’ultimo film "Star Trek - Il futuro ha inizio" di J. J. Abrams (2009), in una famosa scena di space-jump, Kirk, Sulu ed Olsen vengono lanciati dalla navetta pilotata dal Capitano Pike verso la superficie del pianeta Vulcano, che si trova in grave pericolo.

Quasi allo stesso modo, ieri abbiamo visto il temerario austriaco Baumgartner, lanciarsi da ben 39.000 metri in caduta libera per 4 minuti e 22 secondi ed atterrare altri 5 minuti più tardi sul suolo del Nuovo Messico.

L’austriaco è stato il primo paracadutista a rompere la barriera del suono, che per quella quota è di 1.110 km orari e questo è accaduto in un giorno speciale, il 65° anniversario del primo volo aereo supersonico del 1947.

Nel complesso, ora Baumgartner è l'uomo che ha raggiunto la velocità massima in atmosfera, effettuando un lancio con paracadute dalla quota più alta con il maggior tempo in caduta libera.

Prima del salto c’era stato un problema tecnico con il sistema di riscaldamento del casco ma il team ha deciso di procedere ugualmente.

Dopo l'ok e gli ultimi controlli, ecco Baumgartner che apre il portello.
Non riesco ad immaginare cosa deve aver provato in quel momento. Una vista mozzafiato: sotto a lui, la nostra Terra che è diventata abbastanza piccola tanto da percepirne la sfericità e intorno il nero dello spazio. Per tornare a casa, bastava un salto di 39.000 chilometri!

Felix Baumgartner - space-jump

Felix Baumgartner - space-jump

Felix Baumgartner - space-jump

Nella prima fase di discesa, ci sono stati momenti di tensione, sembrava infatti che Felix avesse perso momentaneamente l'assetto roteando su se stesso: per chi ha seguito l'evento live come me, avrà ascoltato sicuramente con attenzione il suo respiro affannato per cercare di capire cosa stesse succedendo. Poi, riprende la traiettoria e riferisce di avere il casco appannato, comunque un sospiro di sollievo sentirlo parlare, per il team e per gli spettatori!

Felix Baumgartner - space-jump

Felix Baumgartner - space-jump

Felix Baumgartner - space-jump

Quando il paracadute si è aperto il momento è stato emozionante ed al controllo missione è scoppiato un applauso fragoroso.

Felix Baumgartner - space-jump

Felix Baumgartner - space-jump

Il pallone stratosferico era decollato da Roswell, Nuovo Messico alle 17:30 ora italiana, portando Felix e la sua capsula di 1.315 chilogrammi alla quota progettata.

In una dichiarazione prima di lanciarsi, Baumgartner ha detto: “Dimostrare che un essere umano può rompere la velocità del suono nella stratosfera e ritornare a Terra potrebbe essere un passo per creare procedure di salvataggio da quote analoghe che attualmente non esistono.”

E noi aggiungiamo... chissà che un giorno non sia un sistema per raggiungere la superficie di un altro pianeta!

Felix Baumgartner - space-jump

Felix Baumgartner - space-jump

Elisabetta Bonora

Sono appassionata di astronomia, spazio, fisica e di tutte le scienze in genere.
Aspirante reporter scientifica, ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover della NASA Curiosity su Marte, per condividere in modo semplice e puntuale le notizie più interessanti, pensieri e considerazioni.
Per lavoro mi occupo di web e video analytics presso ShinyStat (SV – Italia) e per hobby, da diversi anni, mi dedico ad elaborare le fotografie rilasciate dalle Agenzie Spaziali Internazionali, scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Link al commento Elisabetta Bonora Lunedì, 15 Ottobre 2012 19:58 inviato da Elisabetta Bonora

    Ciao erie5, lui non si è accorto nulla! Lo ha dichiarato Felix stesso. E' da tener presente comunque che era all'interno di una tuta protettiva pressurizzata. Non si sa se effettivamente ci sia stato o meno il tipico "boom" e nonostante Baumgartner viaggiasse ad una velocità superiore a quella del suono in locale, a quella altezza l'aria e più rarefatta. Io personalmente non credo ci sia stato.

  • Link al commento erie5 Lunedì, 15 Ottobre 2012 14:30 inviato da erie5

    Dopo questo eccezionale "esperimento", mi sorge un dubbio : che anche Felix sia stato soggetto al boom sonico così come avviene per gli aerei che superano la velocità del suono?
    erie5

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Dal nostro album di Flick

Dal nostro canale di YouTube

Mission log

  • DAWN APPROACH TO CERES
    DAWN APPROACH TO CERES

    Statistiche aggiornate sull'avvicinamento della sonda Dawn al pianeta nano Cerere.

    [Updated statistics about DAWN spacecraft approach to CERES.]

  • OPPORTUNITY ODOMETRY
    OPPORTUNITY ODOMETRY

    Statistiche sulla distanza percorsa (odometria) del rover Opportunity.

    [Updated statistics about Opportunity rover odometry.]

  • CURIOSITY ODOMETRY
    CURIOSITY ODOMETRY

    Statistiche sulla distanza percorsa (odometria), sulla velocità media e sull'altezza del rover Curiosity.

    [Updated statistics about Curiosity rover odometry/speed/elevation.]

  1. Hot news
  2. Commenti
  3. Tags

Altre News

Newsletter

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it