Spazio & Astronomia
Global Security Agency

In Primo Piano

Uno scudo deflettore nelle Fasce di Van Allen

Uno scudo deflettore nelle Fasce di Van Allen

Anche la Terra ha il suo scudo deflettore e come nella famosa serie Star Trek, lo usa per...

Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

Ormai la sonda dell'ESA Venus Express è a corto di carburante ed ogni giorno potrebbe essere...

Europa dopo il lifting

Europa dopo il lifting

Nuova impressionante riedizione di una delle più celebri immagini del satellite mediceo...

Centro galattico: si complica la storia di G2

Centro galattico: si complica la storia di G2

Nel mese di novembre, gli astronomi del Max-Planck-Institut für extraterrestrische Physik...

Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

E' partita ieri sera, alle 22:01:14 ora italiana, la missione Futura, con il lancio...

  • Uno scudo deflettore nelle Fasce di Van Allen

    Uno scudo deflettore nelle Fasce di Van Allen

  • Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

    Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

  • Europa dopo il lifting

    Europa dopo il lifting

  • Centro galattico: si complica la storia di G2

    Centro galattico: si complica la storia di G2

  • Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

    Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS



Le aurore dei pianeti extrasolari: ora sarà possibile rilevarle



 Aurore su Giove

Aurore su Giove
Credit: NASA

Le aurore polari, protagoniste di spettacolari paesaggi notturni sulla Terra, sono continuamente monitorate e studiate dagli scienziati, così come quelle scoperte sui pianeti del nostro Sistema Solare.

Ora, sarà possibile ottenere molto di più e rilevare direttamente le aurore dei pianeti alieni extrasolari.

Le aurore sulla Terra si verificano quando le particelle cariche provenienti dal Sole, incanalate dal campo magnetico terrestre verso i poli, interagiscono con l'alta atmosfera, innescando spettacolari giochi di luce.
Processi simili sono stati osservati su altri pianeti del Sistema Solare, con aurore 100 volte più luminose rispetto a quelle terrestri.

Adesso, grazie al telescopio Low-Frequency Array nei Paesi Bassi, gli scienziati hanno rilevato le emissioni radio di possibili aurore su pianeti estrasolari.

"Questi risultati confermano che le aurore si generano su corpi fuori del nostro Sistema Solare e le loro emissioni radio sono abbastanza potenti - 10000 volte più luminose delle aurore di Giove - e rintracciabili attraverso le distanze interstellari", ha detto l'autore dello studio Jonathan Nichols, dell'University of Leicester in Inghilterra, in un comunicato.

Le aurore di Giove, ad esempio, a differenza di quelle terrestri, sono innescate dalla rotazione stessa del pianeta.
Giove ruota attorno al proprio asse ogni 10 ore con il suo enorme campo magnetico: la rotazione di questo magnete produce quindi enormi quantità di energia soprattutto ai poli.
Rilevate per la prima volta dalla Voyager 1 nel 1979, sono generate principalmente dall'iterazione delle molecole prodotte dall'attività vulcanica dalla sua luna Io, con il campo magnetico del pianeta.

Aurore simili a quelle terrestri, invece, sono state avvistate su Saturno nel 2009, dalla sonda della NASA Cassini e forse nuovamente immortalate e da noi individuate, in alcune riprese a luglio 2012.

Questa nuova ricerca dimostra che le aurore possono formarsi su altri pianeti non necessariamente a causa delle particelle cariche trasportate dal vento solare. Al contrario, è molto probabile che altrove, le aurore siano molto più simili a quelle gioviane.

Attraverso lo studio di queste emissioni radio gli scienziati otterranno un quadro più chiaro della forza del campo magnetico di un pianeta, di come interagisce con la sua stella madre, delle sue lune e anche sulla durata della sua rotazione.

La nuova ricerca è stata pubblicata in un recente numero del The Astrophysical Journal.

Note sull'autore
Elisabetta Bonora
Author: Elisabetta BonoraEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sono appassionata di astronomia, spazio, fisica e di tutte le scienze in genere. Aspirante reporter scientifica, ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover della NASA Curiosity su Marte, per condividere in modo semplice e puntuale le notizie più interessanti, pensieri e considerazioni. Per lavoro mi occupo di web e video analytics presso ShinyStat (SV – Italia) e per hobby, da diversi anni, mi dedico ad elaborare le fotografie rilasciate dalle Agenzie Spaziali Internazionali, scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bennu: la complicata vita di un asteroid…

Giovedì, 20 Novembre 2014 06:51

Bennu: la complicata vita di un asteroide

Una stella vicina esplode, sconvolgendo la materia nella nebulosa. Parte collassa con la sua stessa gravità e forma un disco di materiale che circonda il Sole neonato. All'interno di questo...

Quasar con buchi neri supermassicci in s…

Mercoledì, 19 Novembre 2014 20:28

Quasar con buchi neri supermassicci in sincronia

Gli astronomi hanno scoperto un collegamento chiave tra alcuni quasar separati da distanze di miliardi di anni luce. Utilizzando il Very Large Telescope (VTL) in Cile, un'equipe europea ha esaminato la...

La cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko: u…

Mercoledì, 19 Novembre 2014 07:30

La cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko: un vero osso duro!

Il 12 novembre 2014, Philae e Rosetta hanno scritto una nuova pagina di storia nell'esplorazione spaziale (ed io sono stata davvero fortunata ad essere lì!).Dopo 10 anni di viaggio, il lander...

Asteroide Vesta: prima mappa geologica g…

Martedì, 18 Novembre 2014 22:04

Asteroide Vesta: prima mappa geologica globale

Un team di 14 ricercatori, guidato da David Williams della School of Earth and Space Exploration presso l'Arizona State University e da W. Brent Garry del Goddard Spaceflight Center NASA a...

La cometa Siding Spring ripresa dall'orb…

Martedì, 18 Novembre 2014 06:56

La cometa Siding Spring ripresa dall'orbiter indiano Mangalyaan

Il 19 ottobre scorso è stato un giorno davvero speciale per la flotta di orbiter e rover a lavoro su Marte: la cometa Siding Spring, proveniente dalla lontana e fredda...

Foto-cronaca di un rimbalzo!

Lunedì, 17 Novembre 2014 20:40

Foto-cronaca di un rimbalzo!

Immortalata l'incredibile sequenza di Philae prima e dopo il rimbalzo su Agilkia.

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • marco 18.11.2014 14:12
    Certo che poteva ribaltarsi o anche atterrrare a testa in giù, dato che dopo il primo rimbalzo non ...

    Leggi tutto...

     
  • Massimo Gori 18.11.2014 09:26
    Sei troppo brava! Grazie :)

    Leggi tutto...

     
  • Nik Luby 18.11.2014 08:07
    Beh....poteva andare peggio....atter rando sulla superficie scoscesa del cratere, il lander, secondo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it