MSL - Curiosity
Global Security Agency

In Primo Piano

Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

Ormai la sonda dell'ESA Venus Express è a corto di carburante ed ogni giorno potrebbe essere...

Europa dopo il lifting

Europa dopo il lifting

Nuova impressionante riedizione di una delle più celebri immagini del satellite mediceo...

Centro galattico: si complica la storia di G2

Centro galattico: si complica la storia di G2

Nel mese di novembre, gli astronomi del Max-Planck-Institut für extraterrestrische Physik...

Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

E' partita ieri sera, alle 22:01:14 ora italiana, la missione Futura, con il lancio...

Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley

Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley

Nell'ultimo report, avevamo lasciato il rover della NASA Opportunity ai primi di settembre,...

  • Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

    Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

  • Europa dopo il lifting

    Europa dopo il lifting

  • Centro galattico: si complica la storia di G2

    Centro galattico: si complica la storia di G2

  • Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

    Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

  • Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley

    Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley



"John Klein" è il primo target per il trapano di Curiosity



CURIOSITY sol 153 MastCam right 10000 x 4174 pixel - drill target John Klein

CURIOSITY sol 153 MastCam right 10000 x 4174 pixel - drill target John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Come avevamo anticipato, il primo target per il trapano di Curiosity è stato selezionato e il rover si sta dirigendo verso una roccia piatta con venature chiare che potrebbe contenere indizi sulla presenza dell'acqua passata sul Pianeta Rosso.
Se riscontrerà il favore degli ingegneri, nei prossimi giorni sarà la prima roccia marziana ad essere perforata con il trapano del rover.

"La foratura di una roccia per raccogliere un campione, sarà l'attività più difficile di questa missione dopo l'atterraggio. Non è mai stato fatto sui Marte", ha dichiarato Richard Cook del NASA Jet Propulsion Laboratory a Pasadena, California, project manager della missione Mars Science Laboratory.
"Il trapano hardware interagisce energicamente con il materiale marziano che non possiamo controllare. Non ci sorprenderemo se, le prime volte, alcuni passaggi non andranno come previsto".

La roccia scelta è in una zona dove la MastCam di Curiosity ha rilevato diverse caratteristiche inaspettate, tra cui vene, noduli, doppie stratificazioni, un ciottolo brillante incorporato in una pietra arenaria e forse alcuni buchi nel terreno.

D'altra parte queste interessanti fessurazioni avevano catturato la nostra attenzione da tempo e ne avevamo parlato proprio nel nostro ultimo post, ricordando che qualcosa di analogo era già stato osservato da Spirit nei pressi di Home Plate.

CURIOSITY sol 153 MastCam 10059 x 3813 pixel anaglyph - drill target John Klein

CURIOSITY sol 153 MastCam 10059 x 3813 pixel anaglyph - drill target John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il target di Curiosity, si trova nella depressione Yellowknife Bay ed è stato soprannominato "John Klein", in onore dell'ex vice-responsabile del progetto Mars Science Laboratory morto nel 2011.

CURIOSITY - John Klein target

L'immagine è stata catturata dalla MastCam right del rover da una distanza di circa 5 metri
tra le 15:10 1 le 15:33 del sol marziano 153 (10 gennaio 2013).
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Anche se il rover si trova sempre all'interno del cratere Gale, questa zona è molto diversa da quella in cui è atterrato ad agosto dello scorso anno, Bradbury Landing, un alveo asciutto di circa 500 metri ad ovest rispetto alla posizione attuale.
Gli scienziati hanno deciso di guidare il rover verso Glenelg perchè le immagini orbitali hanno rilevato un tipo di terreno particolare che rilascia il calore più lentamente durante le ora notturne.

CURIOSITY - cratere Gale

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

"Il segnale orbitale ci ha attirato qui, ma quello che abbiamo trovato quando siamo arrivati è stata una grande sorpresa", ha detto John Grotzinger del California Institute of Technology di Pasadena. "Questa zona ha avuto un diverso tipo di ambiente umido rispetto all'alveo in cui siamo atterrati, forse tipi diversi di ambienti umidi."

Una prova ne è stata l'analisi della Chemistry and Camera (ChemCam) di Curiosity che ha evidenziato alti livelli di calcio, zolfo e idrogeno.
"Queste vene sono probabilmente composte da solfato di calcio idrato, come bassinite o gesso", ha detto un membro del team della ChemCam, Nicolas Mangold del Laboratoire de Planétologie et de Nantes Géodynamique in Francia. "Sulla Terra, la formazione di vene come queste richiede acqua che circola nelle fratture".

I ricercatori hanno utilizzato la camera Mars Lens Imager (MAHLI) per esaminare le rocce sedimentarie nella zona. Alcune sono pietra arenaria, con grani di dimensioni del pepe. Uno di questi ha una lucentezza interessante e ha fatto parlare di sé su Internet, diventando famoso come il "fiore marziano".

Altre rocce, invece, sono siltiti a grana più fine come lo zucchero a velo e differiscono in modo significativo dai conglomerati di ghiaia presenti nella zona di atterraggio.

CURIOSITY sol 132 MHALI "Martian flower"

CURIOSITY sol 132 MHALI "Martian flower"
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Il "Fiore di Marte" è veramente molto piccolo, appena 2 millimetri.

Aileen Yingst, principale ricercatore del MAHLI, del Planetary Science Institute a Tucson, in Arizona, ha detto ai giornalisti che fa parte di una arenaria a grana grossa, chiamata "Gillespie Lake, relativamente priva di polvere, con altri grani più grandi nella sua trama, particolarmente interessanti per colore, lucentezza e forma. Questo grano in particolare sembra effettivamente essere qualcosa di diverso rispetto alla roccia ma potrebbe essere qualunque cosa. Senza dati chimici alla mano, Yingst non si sbilancia ma quello che conta sono le rocce che si trovano in questa zona che ci raccontano la presenza dell'acqua su Marte.

CURIOSITY sol 158 MAHLI anaglyph - drill target John Klein

CURIOSITY sol 158 MAHLI anaglyph - drill target John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 158 MAHLI 3d - drill target John Klein

CURIOSITY sol 158 MAHLI 3d - drill target John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

"Queste sono rocce sedimentarie e ci dicono che Marte aveva qui depositi attivi di materiale", ha aggiunto Yingst. "Le diverse granulometrie ci raccontano le condizioni di trasporto."


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Quasar con buchi neri supermassicci in s…

Mercoledì, 19 Novembre 2014 20:28

Quasar con buchi neri supermassicci in sincronia

Gli astronomi hanno scoperto un collegamento chiave tra alcuni quasar separati da distanze di miliardi di anni luce. Utilizzando il Very Large Telescope (VTL) in Cile, un'equipe europea ha esaminato la...

La cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko: u…

Mercoledì, 19 Novembre 2014 07:30

La cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko: un vero osso duro!

Il 12 novembre 2014, Philae e Rosetta hanno scritto una nuova pagina di storia nell'esplorazione spaziale (ed io sono stata davvero fortunata ad essere lì!).Dopo 10 anni di viaggio, il lander...

Asteroide Vesta: prima mappa geologica g…

Martedì, 18 Novembre 2014 22:04

Asteroide Vesta: prima mappa geologica globale

Un team di 14 ricercatori, guidato da David Williams della School of Earth and Space Exploration presso l'Arizona State University e da W. Brent Garry del Goddard Spaceflight Center NASA a...

La cometa Siding Spring ripresa dall'orb…

Martedì, 18 Novembre 2014 06:56

La cometa Siding Spring ripresa dall'orbiter indiano Mangalyaan

Il 19 ottobre scorso è stato un giorno davvero speciale per la flotta di orbiter e rover a lavoro su Marte: la cometa Siding Spring, proveniente dalla lontana e fredda...

Foto-cronaca di un rimbalzo!

Lunedì, 17 Novembre 2014 20:40

Foto-cronaca di un rimbalzo!

Immortalata l'incredibile sequenza di Philae prima e dopo il rimbalzo su Agilkia.

Le intense ore di lavoro di Philae

Domenica, 16 Novembre 2014 21:51

Le intense ore di lavoro di Philae

Philae dorme.All'1:36 di ieri notte è entrato in ibernazione, dopo aver esaurito l'energia ma è stato davvero un grande ed è riuscito a trasmettere tutti i dati scientifici prima che...

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • marco 18.11.2014 14:12
    Certo che poteva ribaltarsi o anche atterrrare a testa in giù, dato che dopo il primo rimbalzo non ...

    Leggi tutto...

     
  • Massimo Gori 18.11.2014 09:26
    Sei troppo brava! Grazie :)

    Leggi tutto...

     
  • Nik Luby 18.11.2014 08:07
    Beh....poteva andare peggio....atter rando sulla superficie scoscesa del cratere, il lander, secondo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it