MSL - Curiosity
Global Security Agency

In Primo Piano

Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

Ormai la sonda dell'ESA Venus Express è a corto di carburante ed ogni giorno potrebbe essere...

Europa dopo il lifting

Europa dopo il lifting

Nuova impressionante riedizione di una delle più celebri immagini del satellite mediceo...

Centro galattico: si complica la storia di G2

Centro galattico: si complica la storia di G2

Nel mese di novembre, gli astronomi del Max-Planck-Institut für extraterrestrische Physik...

Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

E' partita ieri sera, alle 22:01:14 ora italiana, la missione Futura, con il lancio...

Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley

Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley

Nell'ultimo report, avevamo lasciato il rover della NASA Opportunity ai primi di settembre,...

  • Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

    Venus Expresss: si avvicina la fine della missione

  • Europa dopo il lifting

    Europa dopo il lifting

  • Centro galattico: si complica la storia di G2

    Centro galattico: si complica la storia di G2

  • Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

    Inizia la missione Futura: Samantha Cristoforetti arriva sulla ISS

  • Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley

    Opportunity supera il cratere Ulysses: prossima meta Marathon Valley



Curiosity si prepara all'utilizzo del trapano: test di pre-carico su John Klein



CURIOSITY sol 168 John Klein - test di pre-carico

CURIOSITY sol 168 John Klein - test di pre-carico
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il rover della NASA Curiosity si sta preparando al primo utilizzo del trapano ed  il 27 gennaio 2012, ha posato lo strumento per quattro volte sulla superficie del target designato, la roccia chiamata "John Klein", in onore dell'ex vice-responsabile del progetto Mars Science Laboratory morto nel 2011.

Così facendo, dopo la preparazione dei giorni scorsi, Curiosity ha effettuato un test di pre-carico su Marte, che consente agli ingegneri di valutare se il tipo di forza applicata è idoneo e coincidente con quanto precedentemente simulato.

Il braccio robotico di Curiosity è progettato per precaricare il trapano sulla roccia con una farza minima pari a 300 Newton (che con la gravità terrestre, corrispondono a circa 30 chili), fino ad arrivare a 400 Newton o anche di più.
Naturalmente, la roccia da perforare, oltre ad avere una precisa consistenza e stabilità, dovrà offrire lo spazio necessario affinché il rover possa appoggiare gli otto sostegni del trapano.

Una parte della superficie di John Klein è stata preparata e spazzolata dal Dust Removal Tool del rover.

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein anaglyph

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein

CURIOSITY sol 169 MAHLI John Klein
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Dopo ogni operazione il MAHLI (Mars Lens Imager) ha ripreso l'area di lavoro.
In queste immagini, i fori visibili, dovrebbero essere i segni lasciati dagli appoggi del trapano.

Il passo successivo sarà quello di lasciare il trapano appoggiato sulla superficie per un'intera notte per valutare l'eventuale influenza delle variazioni termiche, considerato che nel cratere Gale si hanno sbalzi di temperatura che vanno dai 0° Celsius nel pomeriggio fino a -65° Celsius durante le ore notturne.
In base a questa escursione termica il telaio del braccio robotico del rover può subire variazioni fino a 0,25 centimetri.

In generale, la struttura di Curiosity, con un'escursione termica di 100° Celsius potrebbe contrarsi e dilatarsi fino a 4 millimetri, un valore da non sottovalutare.

I comandi per la notte di test sono stati inviati lunedì scorso.

"Non abbiamo intenzione di lasciare il trapano nelle roccia durante la notte una volta iniziata la foratura ma nel caso in cui dovesse accadere, è importante sapere cosa aspettarsi in termini di stress hardware", ha spiegato Daniel Limonadi del JPL.
"Questo test utilizza bassi valori di pre-carico rispetto a quelli che intendiamo utilizzare durante la perforazione, per conoscere gli effetti della temperatura senza mettere l'hardware a rischio".

In definitiva, le verifiche impegneranno il team di missione ancora tutta la settimana, sia per test tecnici di strumentazione, sia per una valutazione del comportamento del target scelto.

Limonadi ha aggiunto: "Stiamo procedendo con cautela per la prima perforazione di Curiosity. Questa è una sfida. Sarà la prima volta che un robot perfora una roccia per raccogliere un campione su Marte".

Un altro test, chiamato "drill-on-rock checkout", userà l'azione martellante della punta del trapano di Curiosity, senza la rotazione e, una prova successiva, "mini-drill", effettuerà un piccolo foro di soli 2 centimetri senza che la polvere venga spinta nella camera di stoccaggio del trapano.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Quasar con buchi neri supermassicci in s…

Mercoledì, 19 Novembre 2014 20:28

Quasar con buchi neri supermassicci in sincronia

Gli astronomi hanno scoperto un collegamento chiave tra alcuni quasar separati da distanze di miliardi di anni luce. Utilizzando il Very Large Telescope (VTL) in Cile, un'equipe europea ha esaminato la...

La cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko: u…

Mercoledì, 19 Novembre 2014 07:30

La cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko: un vero osso duro!

Il 12 novembre 2014, Philae e Rosetta hanno scritto una nuova pagina di storia nell'esplorazione spaziale (ed io sono stata davvero fortunata ad essere lì!).Dopo 10 anni di viaggio, il lander...

Asteroide Vesta: prima mappa geologica g…

Martedì, 18 Novembre 2014 22:04

Asteroide Vesta: prima mappa geologica globale

Un team di 14 ricercatori, guidato da David Williams della School of Earth and Space Exploration presso l'Arizona State University e da W. Brent Garry del Goddard Spaceflight Center NASA a...

La cometa Siding Spring ripresa dall'orb…

Martedì, 18 Novembre 2014 06:56

La cometa Siding Spring ripresa dall'orbiter indiano Mangalyaan

Il 19 ottobre scorso è stato un giorno davvero speciale per la flotta di orbiter e rover a lavoro su Marte: la cometa Siding Spring, proveniente dalla lontana e fredda...

Foto-cronaca di un rimbalzo!

Lunedì, 17 Novembre 2014 20:40

Foto-cronaca di un rimbalzo!

Immortalata l'incredibile sequenza di Philae prima e dopo il rimbalzo su Agilkia.

Le intense ore di lavoro di Philae

Domenica, 16 Novembre 2014 21:51

Le intense ore di lavoro di Philae

Philae dorme.All'1:36 di ieri notte è entrato in ibernazione, dopo aver esaurito l'energia ma è stato davvero un grande ed è riuscito a trasmettere tutti i dati scientifici prima che...

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • marco 18.11.2014 14:12
    Certo che poteva ribaltarsi o anche atterrrare a testa in giù, dato che dopo il primo rimbalzo non ...

    Leggi tutto...

     
  • Massimo Gori 18.11.2014 09:26
    Sei troppo brava! Grazie :)

    Leggi tutto...

     
  • Nik Luby 18.11.2014 08:07
    Beh....poteva andare peggio....atter rando sulla superficie scoscesa del cratere, il lander, secondo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it