Venerdì 6 Marzo 2015
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

L'acqua sotto la superficie di Marte: tanta, quanto quella interna alla Terra

Più volte nelle pagine del nostro blog aliveuniverseimages.blogspot.com prima e di questo sito ora, con l'aiuto delle immagini dei rover Spirit ed Opportunity, abbiamo ribadito e sostenuto che l'acqua su Marte è presente oggi: sotto la superficie e con alcune particolari condizioni, in affioramento.

Abbiamo parlato di sabbie "sature", di apparente "umidità": è chiaro che sono termini da valutare con cautela e con le dovute proporzioni ma comunque, secondo noi appropriati.

OPPORTUNITY Sol 1045 mic anaglyph fish

OPPORTUNITY Sol 1045 mic anaglyph fish
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Più volte nelle pagine del nostro blog aliveuniverseimages.blogspot.com prima e di questo sito ora, con l'aiuto delle immagini dei rover Spirit ed Opportunity, abbiamo ribadito e sostenuto che l'acqua su Marte è presente oggi: sotto la superficie e con alcune particolari condizioni, in affioramento.

Abbiamo parlato di sabbie "sature", di apparente "umidità": è chiaro che sono termini da valutare con cautela e con le dovute proporzioni ma comunque, secondo noi appropriati.

All'inizio di maggio, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters (http://dx.doi.org/10.1029/2011GL050192), sosteneva che su Marte era presente acqua allo stato liquido diversi miliardi di anni fa e che fosse così abbondante, da saturare la sabbia in determinare regioni.
Nello studio condotto da Michael Manga, della University of California di Berkeley e il suo team è emerso anche che Marte possedeva un'atmosfera almeno venti volte più densa di quella attuale.

Ora, sulla base degli studi condotti sui meteoriti marziani, i ricercatori del Carnegie Institution di Washington hanno scoperto che l'acqua era presente in quantità sorprendentemente simili alla Terra, all'interno del mantello del Pianeta Rosso (http://geology.gsapubs.org/content/early/2012/06/15/G33242.1.abstract).
L'acqua quindi, potrebbe aver trovato la sua strada dal sottosuolo verso la superficie scorrendo allo stato liquido.

La Terra oltre ad avere acqua superficiale ha anche acqua nella crosta e nel mantello: il contenuto di acqua della parte superiore del mantello subito sotto la crosta è tra le 50 e le 300 ppm (parti per milione). Questi sono gli stessi valori identificati per Marte dal team di ricerca studiando frammenti di roccia espulsi da pianeta a seguito di un impatto avvenuto 2.5 millioni di anni fa.
L'acqua immagazzinata all'interno del mantello di Marte potrebbe aver fatto la sua strada verso la superficie attraverso l'attività vulcanica, suggeriscono i ricercatori, ed aver creato ambienti favorevoli allo sviluppo della vita.

L'acqua è stata ottenuta da Marte, così come per la Terra, durante la formazione del pianeta: quindi, le basi di partenza sembrano essere state esattamente le stesse.

Questi recenti studi, ci aiutano ad avvalorare quella che da tempo è la nostra ipotesi: su Marte oggi c'è presenza di acqua e parte di essa potrebbe derivare da acque fossili ormai svincolate ancora presenti all'interno del pianeta, in discrete quantità. Le acque del sottosuolo riuscirebbero a raggiungere la superficie e in particolari condizioni, rimarrebbero allo stato liquido più a lungo e per un periodo sufficiente affinchè si possa creare un ambiente adatto alla vita.

AUI consiglia

Nel 1915 Einstein completò le leggi della relatività generale, segnando una svolta nella concezione dello spazio e del tempo. Si apriva così la nuova frontiera degli studi sul misterioso fenomeno astronomico dei buchi neri. In questo volume, Kip Thorne racconta le scoperte e le false piste della ricerca sull'argomento, esamina le conseguenze della teoria dello spazio curvo e le possibilità offerte dalla fisica dei quanti..
Leggi tutto: "Buchi neri e salti temporali. L'eredità di Einstein"


Alive Universe Images

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Alba per Samantha

Dal nostro album di Flick

Dal nostro canale di YouTube

Mission log

  • ISS height
    ISS height

    Aggiornamenti sull'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

  • DAWN APPROACH TO CERES
    DAWN APPROACH TO CERES

    Statistiche aggiornate sull'avvicinamento della sonda Dawn al pianeta nano Cerere.

    [Updated statistics about DAWN spacecraft approach to CERES.]

  • OPPORTUNITY ODOMETRY
    OPPORTUNITY ODOMETRY

    Statistiche sulla distanza percorsa (odometria) del rover Opportunity.

    [Updated statistics about Opportunity rover odometry.]

  • CURIOSITY ODOMETRY
    CURIOSITY ODOMETRY

    Statistiche sulla distanza percorsa (odometria), sulla velocità media e sull'altezza del rover Curiosity.

    [Updated statistics about Curiosity rover odometry/speed/elevation.]

Angolo degli astrofili

Altre news

AUI consiglia

Quanto occorre conoscere e saper fare al fine di ottenere da un telescopio le migliori osservazioni degli oggetti celesti, esposto in forma chiara e sintetica per chi inizia a dedicarsi all'astronomia.

Newsletter

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it