MRO - HiRISE
Global Security Agency

In Primo Piano

Philae: il cerchio si stringe

Philae: il cerchio si stringe

Mentre le ricerche per localizzare il lander continuano, Rosetta aggiusta l'orbita per continuare...

La Cina svela il design suo del futuro rover marziano

La Cina svela il design suo del futuro rover marziano

Marte sta ormai diventando una delle mete più gettonate per le nazioni che hanno pianificato...

#CometLanding: così suona atterrare su una cometa

#CometLanding: così suona atterrare su una cometa

Lo strumento Cometary Acoustic Surface Sounding Experiment (CASSE) ha registrato un breve ma...

Le occasioni perse di

Le occasioni perse di "Interstellar"

Perchè il film "Interstellar" ha deluso le mie aspettative...

Bennu: la complicata vita di un asteroide

Bennu: la complicata vita di un asteroide

Una stella vicina esplode, sconvolgendo la materia nella nebulosa. Parte collassa con la sua...

  • Philae: il cerchio si stringe

    Philae: il cerchio si stringe

  • La Cina svela il design suo del futuro rover marziano

    La Cina svela il design suo del futuro rover marziano

  • #CometLanding: così suona atterrare su una cometa

    #CometLanding: così suona atterrare su una cometa

  • Le occasioni perse di

    Le occasioni perse di "Interstellar"

  • Bennu: la complicata vita di un asteroide

    Bennu: la complicata vita di un asteroide



Anche MRO riprende il piccolo nucleo della cometa Siding Spring



Siding Spring by MRO

Se il piccolo nucleo della cometa Sidind Spring è stato ripreso dal rover Opportunity dalla superficie di Marte, il High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) non poteva essere da meno.

Le immagini sono state riprese durante il passaggio ravvicinato al Pianeta Rosso, domenica 19 ottobre.

CRISM: nubi mesosferiche sopra la Valles Marineris



MRO CRISM: nubi mesosferiche 27 maggio 2014

Il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) è uno dei sei strumenti scientifici a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) il cui obiettivo principale è quello di mappare i minerali presenti sulla superficie di Marte ma può essere utilizzato anche per osservare le nuvole di ghiaccio e l'aerosol nell'atmosfera del pianeta.

Curiosity, il cratere Gale e il ghiacciaio di 3.500 milioni di anni fa



Aeolis Mons - Marte / Terra

3.500 milioni di anni fa il cratere Gale su Marte era coperto da ghiacciai, soprattutto sul tumulo centrale, il Monte Sharp, alto 5,5 chilometri, meta della missione del rover della NASA Curiosity, che ha festeggiato un anno marziano, 687 giorni terrestri, proprio questa settimana, il 24 giugno.

Acqua liquida e fredda scorreva attraverso fiumi e ruscelli, raggiungendo i laghi nelle zone più basse, formando paesaggi simili a quelli che possiamo trovare in Islanda o Alaska.

Marte: il più grande cratere da impatto documentato da MARCI (MRO)



Marte: nuovo cratere marzo 2012

Un nuovo e recente cratere da impatto sul suolo marziano è stato documentato da una delle fotocamere della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).

Il cratere appare, per la prima volta, in una ripresa del 2012, grande come mezzo campo da calcio.
L'impatto che lo ha generato deve essere stato piuttosto simile all'esplosione della meteora russa di Chelyabinsk dello scorso anno.

NASA MRO scopre un nuovo recente canalone su Marte



Marte Terra Sirenum - nuovo canalone 2010 / 2013

Un confronto tra due immagini riprese dalla fotocamera High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), il 5 novembre 2010 e il 25 maggio 2013, ha rilevato la formazione di un nuovo canalone su Marte.

La gola si trova sul pendio interno di un cratere nella regione Terra Sirenum, a 37,45 gradi di latitudine sud e 222,95 gradi di longitudine est.

Qualcosa scorre su Marte



Marte - CRISM RSL

In tanti anni di osservazioni, sicuramente Marte si è rivelato un mondo estremamente dinamico ma c'è una domanda in particolare, fra i quesiti ancora insoluti, a cui tutti vorremmo dare una risposta certa: sulla sua superficie l'acqua allo stato liquido scorre occasionalmente ancora oggi?

Di sicuro, finora, le migliori indicazioni in tal senso sono arrivare dalle sonde in orbita che riescono a monitorare il pianeta con ripetuti passaggi, evidenziandone i cambiamenti stagionali e temporali in generale.

Marte: cirri ad alta quota ripresi dalla fotocamera HiRISE della sonda MRO



ESP_034342_1315

Ci troviamo su Marte, a 47.9 S e 303.6 E, a sud-est della regione equatoriale Tharsis, sul bordo nord occidentale di Argyre Planitia, una pianura che si trova all'interno di un grande ed antico bacino da impatto (il secondo in dimensioni dopo Hellas).

Il nome, "argyros" ossia "argento", proviene da una mappa disegnata dall'astronomo italiano Giovanni Schiaparelli nel 1877, con riferimento ad "Argyre", un'isola di argento della mitologia greca.

MRO HiRISE riprende Curiosity dall'orbita



HiRISE ESP_034572_1755

Una nuova immagine della fotocamera ad alta risoluzione High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) ha ripreso, dall'orbita, il rover della NASA Curiosity al lavoro su Marte, lo scorso 11 dicembre 2013.

Da questa pagina del sito dedicato, gestito dall'University of Arizona di Tucson, è possibile accedere all'immagine nei diversi formati: hirise.lpl.arizona.edu/ESP_034572_1755

Marte: un antico delta e un vasto oceano di miliardi di anni fa



Aeolis Dorsa - antico delta e antico oceano

Studiando i dati e le foto orbitali della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), gli scienziati hanno individuato ulteriori prove di un vasto oceano che avrebbe coperto gran parte della superficie di Marte miliardi di anni fa.

Secondo la ricerca, le immagini mostrerebbero l'evidenza del delta di un antico fiume che alimentava con le sue acque un vasto oceano, esteso su oltre un terzo della superficie del Pianeta Rosso.

Marte: le nuvole di ghiaccio fondamentali per il clima del pianeta



Viking 12b069 - Chryse Planitia

I ricercatori della missione Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA hanno scoperto che le temperature nell'atmosfera marziana oscillano regolarmente ben due volte al giorno.

"Vediamo un massimo di temperatura nel mezzo della giornata ma abbiamo anche una temperatura massima poco dopo la mezzanotte", spiega Armin Kleinboehl del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, autore principale del nuovo studio.

I canali sulle dune marziane? Forse tracce lasciate dal ghiaccio



Linear gullies on Mars

Un nuovo studio della NASA indica che il ghiaccio secco di Marte può scivolare verso il basso, su cuscinetti di gas, come un hovercraft in miniatura, lasciando chiare tracce sulle dune di sabbia.
I ricercatori ritengono che questo processo spieghi una classe engmatica di calanchi, identificati grazie alle immagini della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).
Esperimenti sulle dune di sabbia sulla Terra, nello Utah e in California, confermerebbero l'ipotesi.

Le intense ore di lavoro di Philae

Domenica, 16 Novembre 2014 21:51

Le intense ore di lavoro di Philae

Philae dorme.All'1:36 di ieri notte è entrato in ibernazione, dopo aver esaurito l'energia ma è stato davvero un grande ed è riuscito a trasmettere tutti i dati scientifici prima che...

Persi i contatti con la sonda della NASA…

Domenica, 16 Novembre 2014 10:30

Persi i contatti con la sonda della NASA STEREO-B

Nessuno conosce il motivo ma la sonda della NASA STEREO-B ha smesso di comunicare con la Terra più di sei settimane fa. Dopo un reset programmato, il 1 ottobre la NASA...

Nuove "Isole Magiche" sui mari…

Domenica, 16 Novembre 2014 08:25

Nuove "Isole Magiche" sui mari di Titano

La scorsa estate, Jason Hofgartner, studente laureato in scienze planetarie alla Cornell University, aveva scoperto un'insolita caratteristica geologica intermittente tra le immagini di Titano della sonda della NASA Cassini.Il fenomeno...

Rosetta e Philae: post #CometLanding

Sabato, 15 Novembre 2014 14:20

Rosetta e Philae: post #CometLanding

Finalmente è giunto anche il mio momento per raccontare su Alive Universe Images dell'avventura di Rosetta, Philae e la mia, a Darmstadt.In questi giorni, Marco Di Lorenzo vi ha accompagnato...

Philae #CometLanding - aggiornamenti in …

Domenica, 09 Novembre 2014 20:26

Philae #CometLanding - aggiornamenti in diretta

Rivivi l'evento istante per istante.

ESA Rosetta: Philae sta per atterrare su…

Domenica, 09 Novembre 2014 08:12

ESA Rosetta: Philae sta per atterrare sulla cometa 67P. Guida agli eventi

Dopo dieci anni di viaggio la sonda dell'ESA Rosetta e il piccolo Philae stanno per scrivere una nuova pagina di storia e il 12 novembre tenteranno un'impresa unica, atterrando sulla...

Le nostre immagini

Visita l'album di 2di7 & titanio44

Top Video


  • marco 18.11.2014 14:12
    Certo che poteva ribaltarsi o anche atterrrare a testa in giù, dato che dopo il primo rimbalzo non ...

    Leggi tutto...

     
  • Massimo Gori 18.11.2014 09:26
    Sei troppo brava! Grazie :)

    Leggi tutto...

     
  • Nik Luby 18.11.2014 08:07
    Beh....poteva andare peggio....atter rando sulla superficie scoscesa del cratere, il lander, secondo ...

    Leggi tutto...

Banner

Tra i nostri articoli






Altre news




Twitter Official Alive Universe Images

Facebook Official Alive Universe Images

Twitter da Elisabetta Bonora

Su di noi

 HELP Alive Universe Imges!

Iscriviti alla Newsletter




Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - BlogCatalog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it